Fatti&Storie

Il G7 prende il via Venaria blindata

TORINO

TORINO Si è alzato ieri il sipario sulla settimana dedicata al G7, che riunisce alla Reggia di Venaria i big delle sette potenze economiche del mondo. Si parte con una due giorni di summit sull’innovazione, presieduta dal ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. A seguire, fino a sabato, le sessioni riguarderanno Istruzione e Lavoro.

Al centro degli incontri, l’I-7 Innovators Strategic Advisory Board, il gruppo creato lo scorso maggio durante il G7 di Taormina per comprendere le sfide legate all’innovazione digitale, che non possono essere affrontate solo a livello nazionale.

La sindaca Chiara Appendino ha salutato i ministri in serata, insieme con il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino. In mattinata, invece, la prima cittadina era a Madrid per impegni istituzionali ma ha inviato ai ministri del G7 un lettera di benvenuto. «Sarebbe per noi un grande piacere se, a margine degli importanti impegni calendarizzati, riusciste a trovare tempo per conoscere la nostra Torino», si legge nella missiva. Un appello con il quale la sindaca cerca di smorzare definitivamente le polemiche su un G7 blindato che, per ragioni di sicurezza, resterà confinato alla Reggia di Venaria. L’unica visita esterna avverrà venerdì, quando una delegazione visiterà i laboratori del Politecnico di Additive Manufacturing e l’Incubatore per le start up.

Restano imponenti le misure di sicurezza. I giorni clou della protesta sono attesi nel fine settimana, quando le iniziative di Reset7, la rete antagonista che contesta il summit, si sposteranno in strada: tre i cortei in programma giovedì, venerdì e sabato.

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati
Fatti&Storie