Sport

Messi e Barça dominano Juve messa sotto: secco 3-0

Champions League

CALCIO Prima di ieri, Leo Messi non aveva mai segnato a Buffon nei 315’ in cui se l’era trovato di fronte. Qualcuno deve averglielo fatto notare e la Pulce ha eseguito: due gol, un palo e accelerazioni devastanti. Che, unite alla classe infinita e senza tempo di Iniesta, hanno permesso al Barcellona di iniziare al meglio la sua avventura in Champions League: 3-0 alla Juventus (di Rakitic la rete del 2-0) e la presunta crisi in soffitta. Anche perché nel frattempo i catalani sono pure in testa alla Liga: la Signora, dal canto suo, ha sì vinto tre partite su tre in campionato ma ieri sera è andata incontro a una sonora lezione. Discreta – quasi buona - nel primo tempo (Pjanic su tutti), la squadra di Allegri si è letteralmente sciolta nella ripresa: vero che Messi aveva già portato avanti i suoi prima di metà gara, ma tutto pareva ancora in gioco. Invece, nulla: squadra sparita (come a Cardiff? Esatto), Dybala lontanissimo dal giocatore che si ammira in Italia, Higuain manco a parlarne, Douglas Costa inconsistente e via di questo passo. Con De Sciglio (poi infortunato) e l’esordiente Bentancur in campo dal primo minuto, la Juve era parsa inizialmente in grado di reggere: poi, invece, il nulla. Con una fase difensiva da brividi, sulla quale Allegri avrà parecchio da meditare. Agendo di conseguenza.

DOMENICO LATAGLIATA

Così in campo:
Ieri Manchester U.-Basilea 3-0, Benfica-CSKA Mosca 1-2, Celtic-Paris St. G. 0-5, Bayern M.-Anderlecht 3-0, Chelsea-Qarabag 6-0, Olympiacos-Sporting L. 2-3, Barcellona-Juventus 3-0, Roma-Atletico M. 0-0.

Stasera Liverpool-Siviglia, Maribor-Spartak Mosca, Shakhtar Donetsk-Napoli, Feyenoord-Manchester C., Porto-Besiktas, Lipsia-Monaco, Tottenham-Borussia D., Real Madrid-Apoel Nicosia.

Articoli Correlati
Sport