Spettacoli

Luisa Ranieri: Ecco una donna che combatte

Massimiliano Gallo/Luisa Ranieri/Veleno

CINEMA Italia, terra di veleni e di abbandono. Così è la Terra dei Fuochi, zona del casertano in cui la terra è carica di veleni, in balia dei criminali e abbandonata dallo Stato. Così è nel tosto film di Diego Olivares, “Veleno”, da giovedì nei cinema, interpretato da una dolente e bravissima Luisa Ranieri che affianca Massimiliano Gallo e racconta la storia degli orrori d’Italia attraverso la sua storia di donna perché, come dice il regista, «tutto procede con uno sguardo dal basso, dalle case, dalle famiglie che tutte si conoscono, dai campi coltivati, dalle campagne di chi vive di terra e da cui, la camorra e le ecomafie sembrano lontane come i roghi che bruciano all’orizzonte e, invece, sono vicinissime, come un fratello che per pochi soldi va a sversare rifiuti tossici in quelle campagne che fino ad ieri lo hanno nutrito».

Come sottolinea l’attrice stessa: «Questa storia racconta tutta l’Italia. È un modo di raccontare il grande attraverso il piccolo,la storia di tanti,della Terra dei Fuochi, dell’orrore della terra avvelenata attraverso la storia di una famiglia che si mostra nel bene e nel male, nell’amore  e nelle meschinità».

E Luisa Ranieri che cosa ha più amato della donna che interpreta? «La sua evoluzione. Sembra una donna tradizionale ma poi diventa combattiva, una vera guerriera che difende con le unghie le cose in cui crede. E ho amato anche il messaggio ambientalista che è quello che tento di insegnare ai miei figli, perché bisogna pensare al domani, a ciò che lasciamo».  

SILVIA DI PAOLA

 

Spettacoli