Fatti&Storie

Dietrofront del Veneto: stop alla moratoria vaccini

Vaccini

 "Apprendiamo con soddisfazione la decisione del Veneto di allinearsi alla normativa nazionale". E' quanto afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in seguito alla decisione della Regione di sospendere l'esecuzione del decreto con cui veniva concessa una moratoria di due anni per la presentazione della documentazione vaccinale da parte dei genitori. 

Le critiche dell'Iss. "Appare incomprensibile la presa di posizione del Veneto sui vaccini obbligatori per i bambini da 0 a 16 anni. Tra l'altro una decisione del genere fa assumere alla Regione, ai suoi funzionari, delle responsabilità gravissime, anche penali". Lo ha detto il presidente dell'Iss, Walter Ricciardi, a margine di un evento a Roma. "Il Veneto - ha continuato Ricciardi - è tra l'altro una regione all'avanguardia, una delle migliori, sarebbe strano che proprio lei non raggiungesse questo importante obiettivo per il Paese. Secondo Ricciardi la legge sui vaccini "è frutto di uno sforzo collettivo e la grande maggioranza dei cittadini è d'accordo". "Non è vero che c'è il caos. C'è un differente approccio delle Regioni. Tutte - ha concluso il presidente Iss - si sono messe in moto, ma con stili e tempistiche diverse. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie