Sport

Stefano Fiore, bocciatura per il mercato della "sua" Lazio

INTERVISTA

CALCIO Stefano Fiore (ex Cosenza, Parma, ChievoVerona, Padova, Udinese, Lazio, Valencia, Fiorentina, Torino, Livorno, Mantova) è uno di quegli ex calciatori che si sono mantenuti bene. L'ho visto giocare allo Star Sixes di Londra, torneo per giocatori della passata generazione sponsorizzato da Starcasinò, e devo dire che -perlomeno tra gli italiani- è sicuramente tra quelli che hanno conservato più corsa e combattività. Del resto non è che uno gioca in carriera da centrocampista 321 gare in Serie A (con 48 gol) per caso. 

Calciomercato in corso: è Fiore, è possibile fare già dei bilanci?
Certo ci vorrà ancora del tempo, ma soprattutto il Milan in questo momento credo meriti l’Oscar. Continua a comprare giocatori praticamente ogni giorno. E sai cosa mi stupisce?
Dica pure
Che sembra non volersi fermare ancora. Il botto, a quanto sembra, deve ancora venire. Tutte le altre sono insietro. Oltretutto il Milan sembra avere chiaro in mente un progetto: da questo punto di vista è anche la squadra più interessante, direi.
Lei è un ex laziale: come vede le romane?
Non benissimo. Sembrano tutte e due condannate ad una stagione diversa da quella dell’anno scorso, in cui hanno faftto bene: soprattutto la Lazio, a guardare il calciomercato. Ma c’è ancora tanto tempo, le cose possono  cambiare.
Abbiamo detto del Milan. Facciamo il punto sull’Inter e le sua ambizioni
Prima di tutti c’è da dire che è una squadra che potrebbe far bene perché Spalletti è molto bravo. Se la società lo asseconderà sul mercato -e anche se finora non lo ha fatto non vedo perchè non dovrà farlo nei prossimi giorni- è una squadra che potrà dire la sua per il campionato. 
A.B.

Articoli Correlati
Sport