Sport

Amelia avvisa Donnarumma "Ora non ti faranno più sconti"

Star Sixes

CALCIO Allo “Star Sixes” di Londra (mondiale di calcio a sei che ha visto il ritorno in campo di molte leggende del pallone) incontro Marco Amelia -portierone di squadre di mezza Serie A e della nazionale-  dopo il ko per 2-1 dell’Italia  contro il Brasile. Davanti ad una porta da calcio, il nostro discorso finisce inevitabilmente  sul portiere più discusso dell’estate.  
Donnarumma: a 18 anni un calciatore può avere dubbi su sei milioni di euro?
È vero che Gigio ha diciotto anni, ma è anche vero che da due fa grandi cose. Io penso che non esistano giovani o vecchi, ma giocatori bravi e meno bravi. E quelli bravi possono scegliere.
Da ora, però, sarà un osservato speciale.  
Vero. Da questo punto in poi nessuno gli perdonerà niente, niente sconti, ma lui lo sa, è un ragazzo solido. Dalla sua ha la bravura: è consapevole di essere un ottimo portiere e deve solo continuare a dimostrarlo.
Mmh...però all’Europeo la pressione l’ha sentita: non sembrava lui.  
Ha ragione, ma secondo me più che la questione del contratto è stata la reazione dei tifosi, con i soldi gettati sul campo, ad aver influito. La pressione non la sente: sembra abbia già giocato 500 partite, è forte mentalmente. Portieri bravi ne trovi anche in B: la differenza è la testa.  
A proposito. Qui allo Star Sixes ho temuto per lei quando avete giocato contro il Brasile: gran botta, Roberto Carlos.
Per fortuna non stava bene, quindi ha tirato poco. Però mi ha tirato Rivaldo, anche lui non scherza (ride, ndr).
A me ha impressionato Puyol.
Lui è sempre così: ogni partita è una finale di coppa del mondo. Anche qui, vale il discorso di Gigio: è un fatto di mentalità.

a.b.

Articoli Correlati
Sport