Fatti&Storie

Raggi: Ama vanta crediti per 100 milioni di euro

AMA ROMA

ROMA La municipalizzata capitolina dei rifiuti vanta un credito da 100 milioni di euro da parte della pubblica amministrazione per Ta.Ri. non pagate, 20 dei quali solo da governo, ministeri e Camera. Lo ha reso noto ieri la sindaca Virginia Raggi, che ha presentato i conti con l’assessora all’Ambiente Pinuccia Montanari e al Presidente di Ama Lorenzo Bagnacani.

«Oggi facciamo questa conferenza stampa per portare avanti una operazione verità: è importante capire lo stato dell'arte per andare avanti, noi stiamo lavorando molto per il risanamento di Roma Capitale e delle sue partecipate. Ama su questo ha lavorato molto bene, ha svolto una attività capillare di verifica dei conti svelando dati interessanti, un credito di circa 100 milioni di euro che Ama vanta nei confronti della pubblica amministrazione», ha spiegato la prima cittadina. Secondo i conti del Campidoglio solo la sede della presidenza del Consiglio deve all'Ama 1,2 milioni di euro.

Il presidente di Ama, Bagnacani, ha aggiunto: «Voglio specificare che la maggior parte dello scaduto non dipende da fondi propri, ma da trasferimenti dello Stato. Il nostro obiettivo, dunque,non è puntare il dito contro qualcuno ma innescare un processo efficace per ridurre nel più breve tempo possibile lo sbilancio attuale. Vorremmo cambiare il modello di raccolta per superare le criticità e andremo a verificare che le singole utenze paghino la Tari - ha proseguito - È chiaro che se andiamo a chiedere ai singoli cittadini,non possiamo non chiedere la stessa cosa anche alla Pubblica amministrazione». Un'ipotesi per ottenere il dovuto, avanzata ieri, è quella della rateizzazione.

METRO

Fatti&Storie