Fatti&Storie

Migranti, l’ipotesi dei visti temporanei

Migranti

ROMA L’emergenza migranti continua ad agitare le acque del Mediterraneo e spinge anche le istituzioni a valutare gesti estremi. Come la rivolta dei sindaci dei Nebrodi nel messinese che si dicono disponibili all’accoglienza ma a condizioni precise. e persino il governo - stando a quanto sostiene il Times - starebbe prendendo seriamente in considerazione “l’arma totale” per fare pressioni sull’Europa. Una strategia che potrebbe articolarsi su più fronti, con l’ipotesi estrema del rilascio di visti temporanei per consentire ai migranti di circolare in Europa. Il Times ha scritto che sarebbe l’«opzione nucleare» dell’Italia con il rilascio di 200.000 permessi. Il numero non trova conferme, ma che l’idea sia al vaglio del ministro dell’Interno, Marco Minniti, lo ha ammesso il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione per la tutela e la promozione dei diritti umani. «Non è una minaccia all’Europa», ha precisato, ma «qualcosa previsto dalla normativa vigente: qualcosa di molto più serio, di meno velleitario e meno illegale dell’annunciato blocco dei porti». La strategia del governo passa anche attraverso altre strade: si attende a breve con grande interesse una sentenza della Corte di Giustizia dell’Ue che potrebbe cambiare lo scenario ribaltando l’applicazione del Trattato di Dublino per la domanda di asilo da parte degli illegali va fatta solo nel Paese di primo approdo. Ma l’Italia nega si possano ritenere arrivi illegali quelli di persone salvate in acque internazionali, secondo gli obblighi del diritto internazionale. 
Intanto si muovono i primi passi di un codice di condotta delle Ong in materia di ricerca e soccorso nel Mediterraneo, ma serve l’impegno formale delle stesse Ong. 
Continuano gli sbarchi, i sindaci del comprensorio messinese dei Nebrodi vedranno il prefetto per concordare le modalità degli arrivi.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie