Job

La manager pasticciera e i biscotti personalizzati

wwworkers.it

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano su wwworkers.it e su Metro  

Si è licenziata dal posto fisso per fare biscotti. E ha deciso di inventarsene di buoni e innovativi, puntando tutto sulla personalizzazione.

In parte pasticcera e in parte artista, Marta Sangalli – 41enne bergamasca di nascita e milanese di adozione, laureata in economia aziendale in Bocconi e un passato come account in una multinazionale americana – si è disegnata un lavoro su misura. Scommettendo sull’unicità di ciascuno di noi e prendendo i clienti letteralmente per la gola. La sua dolcissima impresa si chiama Grammo e l’ha messa in piedi con Paolo Cappelletti, 40enne di Milano ed esperto anche di tecniche dolciarie. «Ci siamo ispirati al cake design e gli spunti ci sono arrivati anche dalla cultura americana, giapponese, spagnola. Ma con un elemento nuovo. Perché i biscotti decorati non li abbiamo inventato noi, ma quelli in circolazione erano un po' classici. Così abbiamo pensato alla personalizzazione», precisa Marta.

Sono nati così dolci con nomi, fotografie, disegni. E i biscotti oggi prendono vita per feste di compleanno, anniversari, eventi aziendali o privati. Dalla bomboniera al segnaposto. E poi le tante richieste degli innamorati che vogliono fare un regalo speciale «Lavoro le immagini e le inserisco nel processo artigianale. È un lavoro impegnativo, ecco perché ogni biscotto arriva a costare anche tre euro!»

Il biscottificio è un laboratorio artigianale nel cuore di Milano. Ottanta metri quadrati con macchinari per la produzione: dal forno alla termosigillatrice, dai frigoriferi ai banconi di lavoro. E poi c’è la stampante 3D alimentare, il gioiello di innovazione che trasforma le grafiche in prodotti da ammirare e da mangiare. «Il nostro è un processo che punta all’eccellenza. E per questo implica tempi lunghissimi». Nel biscottificio lavora un team tra i 30 e i 40 anni: ci sono l’aiuto pasticcere, la grafica, il fotografo, i tecnici del sito.

L’idea wow riassume sin dal nome l’essenza del lavoro: l’elemento alla base della pasticceria, che si misura in grammi. «E anche pochi grammi possono cambiare completamente la ricetta,  perché sono dettagli che fanno la differenza».

I primi clienti di Marta e Paolo sono stati privati e aziende di Milano. «I social media e la newsletter ci hanno fatto conoscere. La nostra missione è legare bontà, bellezza, professionalità. I clienti ci dicono che creiamo biscotti troppo belli per essere mangiati, ma chi li mangia li adora». Il valore è nel prodotto. Il biscotto è fatto con una frolla e materie prima di qualità: farina macinata a pietra o vaniglia bourbon del Madagascar.

Giampaolo Colletti

@gpcolletti

Articoli Correlati
Job