Fatti&Storie

Pendolari contro Trenord «Un giugno da incubo»

Milano

TRASPORTI È un grido di dolore e un atto di accusa contro Trenord quello del Coordinamento dei Pendolari Lombardi che in una lettera al presidente della Regione Maroni, all'assessore alla Mobilità  Sorte e all'ad di Trenord Cinzia Farisè denuncia un giugno da incubo, soprattutto sulla tratta Domodossola-Arona-Milano,  con un «tasso di soppressioni dei treni mai visti prima nella storia di Trenord, tranne che a dicembre 2012 quando il sistema collassò». Il riferimento è al disastroso black out del sistema informatico che provocò fino a 200 soppressioni al giorno. Nella nota, su cui il M5s ha annunciato la presentazione di un’interrogazione con richiesta di penali all’azienda, si parla  anche di indiscrezioni su chiusure programmate di intere linee per la mancanza di aria condizionata e si attribuiscono i disagi da un lato alla mancanza di manutenzione e dall’altro all’indisponibilità cronica di personale viaggiante, che si acuisce, guarda caso, nei periodi di vacanza.
Trenord si è difesa attribuendo le cancellazioni di questi giorni al maltempo da un lato e soprattutto al gran caldo che ha mandato in tilt i sistemi di condizionamento dei convogli più vecchi (il 40 % ha più di 35 anni, nonostante 78 nuovi treni ) tarati per resistere fino ai 35 gradi. Trenord nega la riduzione della manutenzione e del personale (proprio a giugno sono stati assunti 44 nuovi capitreno) e poi l’equiparazione dei tagli a quelli del 2012: «Le soppressioni sono state inferiori anche quelle del 2016». Quanto ai tagli si tratterebbe di sostituzione con i bus a luglio di alcune linee a bassa frequentazione.
La vicenda poi si è spostata sul piano politico: «Ho chiesto a Trenord di rispondere a loro e a me» ha detto il presidente della Regione Roberto Maroni  ricordando che Trenord è controllata al 50% dalla Regione e al 50% da Fs. Anche l’assessore Sorte tira in ballo Fs che in 10 anni avrebbe investito solo 170 mln contro 1,31 mld della Regione.  P.R.  

 

Articoli Correlati
Fatti&Storie