Spettacoli

Il carisma di Jess Glynne sul palco del Gru Village

Torino/Musica

TORINO È una delle più belle voci del pop britannico di oggi. Jess Glynne ha incantevoli occhi azzurri e lunghi capelli rossi e ricci. Ma, soprattutto, canta benissimo, cambiando registro con naturalezza, volando alto con potenza e tornando a registri più bassi senza problemi.

La cantautrice inglese, classe 1989, è originaria di Hampstead, sobborgo a nord di Londra, e s'è fatta conoscere anni fa cantando in “Rather Be” dei Clean Bandit, hit dei record con 7 milioni di copie vendute e un Grammy vinto. 

Poi ha debuttato da solista con “Hold My Hand”, un tormentone dance di bella presa, seguita da altri successi come “Don't Be So Hard On Yourself” fino alla struggente ballata “Take Me Home”. Il tutto contenuto nell'album “I Cry When I Laugh”, uscito un paio d'anni fa.

«Il segreto del mio successo? Non c'è una ricetta. Ma credere in qualcosa e volerlo fermamente, aiuta. E io sono molto determinata: amo la musica e ho sempre cercato la mia identità – spiega Jess - Il messaggio delle mie canzoni è positivo: non mi piace lamentarmi, anche nei momenti più difficili vedo la luce in fondo al tunnel».

Stasera al Gru Village (ore 22, euro 17) unica data italiana in cui proporrà tutte le sue hit: «La struttura da 3 minuti di una canzone pop è una cosa che sento completamente mia. È un processo del tutto naturale quello che mi spinge a scrivere. Il motivo per cui la mia musica arriva al pubblico è perché ho provato qualcosa di diverso. Ho scoperto me stessa attraverso la mia musica e non posso esserne più fiera».

Gru Village proseguirà a luglio con Queen at the Opera (1), Bastille (4), Benji & Fede (6), Fiorella Mannoia (10) e altri.

DIEGO PERUGINI

 

Articoli Correlati
Spettacoli