Fatti&Storie

Sull'aumento dell'Iva Renzi frena Padoan

economia

ROMA Il decreto con la manovrina di correzione dei conti «dovrebbe arrivare» giovedì, è «un decreto corposo» e «dentro non ci sono misure di web tax». Lo ha annunciato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nell’audizione sul Def di fronte alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Padoan si è tenuto sul vago sull’aumento dell’Iva: «L’intendimento del Governo nell’impostazione della prossima Legge di bilancio prevede di escluderlo, attuando una manovra alternativa». Poi, però, ha aggiunto: «Non sono in grado di dirvi quali misure prenderemo per rimuovere le clausole di salvaguardia», ricordando che «per cambiare quadro» occorre «un programma di riforme strutturali» e che l’aumento dell’Iva per coprire il taglio del cuneo fiscale «è solo una mia ipotesi».

L'apertura di Bankitalia

Secca la replica dell’ex premier Renzi: «No, l’Iva non si tocca e io dico che non si toccherà. Tutti gli anni si è presentata un’ipotesi analoga, con le clausole pronte a scattare, e tutti gli anni l’abbiamo bloccata». Ma Bankitalia vede «poco sicuri» interventi alternativi per tirare fuori «risorse tanto ingenti e in così breve tempo» e invita a «non escludere una riconsiderazione dell’ampio ventaglio delle aliquote Iva».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Amianto a scuola