Fatti&Storie

Brexit, May annuncia elezioni anticipate l'8 giugno

Gran Bretagna

La Gran Bretagna andrà a elezioni anticipate l'8 giugno. L'annuncio inatteso è arrivato appena tre settimane dopo che la stessa May aveva avviato la procedura per l'uscita di Londra dall'Unione europea, per far seguito al referendum del giugno scorso. Per i parlamentari di rientro delle festività pasquali si tratta di una vera sorpresa, dopo che Downing Street aveva assicurato che si sarebbe andati a elezioni politiche alla scadenza naturale, nel 2020.

Sondaggi favorevoli. I sondaggi favorevoli che danno i conservatori avanti di 21 punti sui laburisti (e quindi destinati ad ampliare la maggioranza di 21 seggi) l'avrebbero indotta ad andare subito al voto. "C'è bisogno di elezioni e ce n'è bisogno adesso, ora c'è una possibilità irripetibile per poterle svolgere prima che i negoziati entrino nei dettagli", ha spiegato la leader dei Tory. May ha ricordato come il panorama politico britannico sia diviso sulla Brexit: i laburisti hanno minacciato di votare contro l'accordo, i liberaldemocratici vogliono arrivare all'impasse, il Partito nazionale scozzese è contrario a quello che sta facendo il governo e preparano un referendum sulla secessione, i Lord hanno annunciato che si opporranno comunque. "Non consentirò che gli oppositori mettano a rischio i negoziati", ha avvertito la May,  "lasciamo al popolo la possibilità di decidere".

Articoli Correlati
Fatti&Storie