Fatti&Storie

Comune: agenda fitta da Acea al nuovo stadio

Roma

ROMA È un aprile che inizia con tre appuntamenti importanti, quello che il Campidoglio si appresta ad affrontare. Si inizia oggi, col nodo relativo alle nomine di nuovi vertici Acea, la partecipata più importante e ricca del Comune, che ne detiene il 51% delle azioni:  entro le 16, assieme agli altri due azionisti principali Engie (23,3%) e gruppo Caltagirone (5%), dovranno essere consegnate le liste dei candidati per il Cda in vista del rinnovo del management, previsto per il 27 aprile. Il Campidoglio avrebbe scelto Stefano Donnaruma (ora direttore di Reti A2A e già alla guida di Acea Distribuzione) come amministratore delegato, e l’avvocato Luca Lanzalone come presidente. Il legale negli ultimi mesi ha aiutato la sindaca nella partita per la modifica del progetto dello stadio della Roma.

Domani invece ci sarà la seduta straordinaria dell’Assemblea Capitolina per discutere della «stabilità politica della giunta capitolina», richiesta dal Pd e saltata lo scorso 20 marzo per le brevi vacanze della sindaca. La Raggi sarà chiamata a riferire delle vicende che hanno portato al cambiamento di assetto della sua giunta dopo l’arresto a dicembre di uno dei suoi fedelissimi, l’ex dirigente del Personale Raffaele Marra, in carcere con l’accusa di corruzione per fatti risalenti all’epoca Alemanno. E soprattutto delle indagini della Procura di Roma a suo carico, con l’ipotesi di falso e abuso d’ufficio, per la nomina di Renato Marra (fratello di Raffaele) alla Direzione Turismo, poi revocata.

Mercoledì infine sarà il turno della riunione conclusiva della conferenza dei servizi sul progetto dello stadio dell’As Roma. Per ora la nuova delibera di Giunta approvata nei giorni scorsi non è stata pubblicata,e gli dettagli noti riguardano solo le cubature dimezzate.

METRO

 

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Amianto a scuola