Spettacoli

Rag’n’Bone Man, il ragazzo del blues contemporaneo

Rory Graham/Deans Chalkley

MILANO La sua “Human” è stata uno dei tormentoni degli ultimi mesi. Una specie di blues contemporaneo, con al centro un vocione dallo spirito black. Protagonista dell’inatteso successo è tale Rory Graham, in arte Rag’n’Bone Man, ragazzone dei dintorni di Brighton salito all’improvviso agli onori delle cronache. Amato dalla critica, di recente ha vinto il Critics Choice Award e il British Breakthrough Act ai Brit Awards 2017, mentre il suo album di debutto, “Human”, è volato subito in vetta alle classifiche. Grande attesa per il concerto milanese, spostato dai Magazzini Generali al più capiente Fabrique (ore 20.45, euro 20.70), dove ascolteremo anche il nuovo singolo, “Skin”.

Due violoncelli rock
Tutto esaurito da due mesi, invece, per i 2Cellos al Mediolanum Forum d’Assago. Le due rockstar del violoncello Luka Šulic e Stjepan Hauser, accompagnati dalla RTV Slovenia Symphony Orchestra, presenteranno il nuovo album “Score”, dedicato alle musiche del cinema, nel corso di uno spettacolo ambizioso, con abbondanza di luci ed effetti pirotecnici. In apertura, il cantautore Lon Loman e il pianista Remo Anzovino.

Se preferite qualcosa di più ruspante, ecco al Serraglio i londinesi Palace col loro mix fra indie, pop, rock e blues, ben sintetizzato nell'album di debutto “So Long Forever”. Una leggenda del jazz, il sassofonista Benny Golson, sarà di scena al Blue Note alla guida di un quartetto che vede l’italiano Antonio Faraò al piano, mentre al John Barleycorn ascolteremo il rock-funk del chitarrista, cantante e compositore Max Mayall Fine.

DIEGO PERUGINI

Spettacoli