Spettacoli

Calabresi & Aprea, il vuoto si sdoppia

Milano/Teatro

MILANO  In principio fu Valerio Mastandrea a portare al successo “Qui e Ora” di Mattia Torre sulla scena del Teatro Franco Parenti. Stavolta, a quattro anni di distanza, sarà invece Paolo Calabresi, volto noto del cinema italiano, a vestire, da stasera al 19 marzo, i panni di un uomo che guarda dentro se stesso e dentro alla sua vita.

Così, sul palco della Sala Grande, assieme a Valerio Aprea, co-protagonista di quella stessa fortunata edizione, tornerà questo grande successo dell’autore romano, già sceneggiatore e regista della serie tv “Boris”, a cui la sala di via Pier Lombardo dedica un “Focus” che terminerà, dal 16 al 21 maggio, con “4,5,6”.

Alla ribalta andranno le esistenze di due uomini sulla quarantina che, dopo un incidente stradale che li vede coinvolti, esprimeranno sul palco tutto il vuoto sociale e culturale dei giorni nostri.

Anche un altro debutto coinvolgerà stasera il Parenti con la messinscena in Sala AcomeA di “Nessun luogo è lontano”, un testo scritto, diretto e interpretato da Giampiero Rappa, che, con repliche fino al 26 marzo, vedrà protagonisti anche Alice Ferranti e Giuseppe Tantillo per parlare degli eterni e a volte insanabili conflitti tra genitori e figli (Info: teatrofrancoparenti.com). 

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati
Spettacoli