Fatti&Storie

Migranti, Maroni contro la prefetta Lamorgese

Milano

REGIONE Clima tesissimo tra Pirellone e prefettura dopo l’annuncio della prefetta Luciana Lamorgese (nella foto) sul bando che imporrà a tutti i Comuni dell’area metropolitana di prendersi carico di una quota di richiedenti asilo. Per il governatore Roberto Maroni, i sindaci fanno bene a resistere perché "non sono profughi, sono clandestini, è diverso, sono irregolari. Ne abbiamo già troppi. Siamo saturi”. Di opinione diversa la prefetta: «Ora su 134 Comuni solo 32 li accolgono». Il giorno dopo l’annuncio del bando Lamorgese insiste sulla necessità di condividere un protocollo con gli amministratori locali, che quindi diventano parte attiva. Quanto all’obbligatorietà dell’accoglienza la prefetta smussa ma non troppo: «Non ci sarà nessun tipo di coercizione, per ora. Spero nella condivisione». Una posizione completamente appoggiata dal sindaco Beppe Sala.
Intanto però la Lega scalda i motori e prende a modello i blocchi stradali di Goro e Gorino. Lo prefigura Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e segretario della Lega Lombarda-Lega Nord se dovessero essere obbligati ad accogliere migranti anche comuni amministrati dalla Lega: «Siamo pronti ad ogni mezzo per impedirlo, anche ascendere in strada a bloccare l'arrivo degli immigrati». METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Uranio impoverito