Fatti&Storie

L'ex Pd all'Urbanistica «La Capitale è di tutti»

Roma

ROMA L’ufficialità è arrivata ieri. Luca Montuori, docente universitario e architetto, con un curriculum di tutto rispetto, è l’assessore capitolino all’Urbanistica che sostituisce Paolo Berdini, dopo le sue burrascose dimissioni in seguito ai suoi giudizi sulla sindaca Virginia Raggi. La prima cittadina ha presentato alla stampa il neo assessore, che in passato ha lavorato nelle giunte di Rutelli e Veltroni. «La parola rinnegare non esiste nel mio vocabolario» ha commentato in proposito, aggiungendo: «Ho lavorato per questa città, era un’esperienza che ritenevo giusta. Già all’epoca sostenevo che la città è un’entità pubblica, la città è di tutti».

«Sullo stadio l’amministrazione ha già preso una decisione importantissima. È un punto d’inizio ottimo per rivedere il progetto. Ora si lavora, si migliora, è un’occasione importantissima per questa città e bisogna farlo bene», ha detto Montuori, che avrà anche le deleghe sui Lavori Pubblici per un tempo determinato, come ha precisato ieri la sindaca, la quale ha reso noto che nello staff di Montuori non ci sarà l’avvocato Luca Lanzalone, il legale che cura gli interessi del Comune nel progetto di Tor di Valle.

Non c’è solo solo lo stadio sul tavolo del neo assessore. La delibera sul nuovo progetto dovrà essere approvata entro il 30 marzo, ma i temi in agenda sono tanti. Tra questi il futuro delle torri dell’Eur, gli ex Mercati generali, l’ex caserma Guido Reni e i Piani di zona.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie