Fatti&Storie

Eventi, cultura e startup La rinascita delle Ogr

TORINO

TORINO Creatività e innovazione hanno trovato a casa a Torino. Sono le nuove Ogr, le Officine Grandi Riparazioni, costruite tra il 1885 e il 1895 e adibite fino ai primi anni ‘90 alla manutenzione dei veicoli ferroviari.

Completamente ristrutturate, le Ogr saranno inaugurate il 30 settembre e rappresentano il più grande investimento diretto della fondazione Crt su un unico progetto ed il principale di “venture philanthropy”, oggi, in Europa. Complessivamente sono stati investiti 90 milioni di euro. I circa 20 mila metri quadri di superficie per 16 metri di altezza su un’area complessiva di 35 mila metri quadri, situati nella zona vicina alla stazione ferroviaria di Porta Susa, diventeranno punto di incontro di mostre, spettacoli, concerti, eventi di teatro e danza, sede di laboratori, start up e imprese innovative. È prevista anche un’ampia area dedicata al gusto in stretto legame con la filiera enogastronomica piemontese. «Le Ogr - ha detto il presidente della fondazione Crt Giovanni Quaglia - sono un traguardo e un nuovo punto di partenza per i 25 anni di storia della fondazione». «Vogliamo ambire a un progetto unico nel panorama nazionale ed europeo - ha sottolineato il Segretario generale Massimo Lapucci - e richiamare a nuova vita le officine come luogo di ideazione e riparazione per l’arte, la cultura, l’innovazione e la tecnologia». Le opere di riqualificazione hanno coinvolto aziende locali e impiegato più di 100 persone per circa 300 mila ore complessive di lavoro.

SIMONA LORENZETTI

Articoli Correlati
Fatti&Storie