Sport

«Ma quali episodi» Spalletti espugna San Siro

Calcio

CALCIO Uno stratosferico Radja Nainggolan fa volare la Roma. I giallorossi espugnano per 3-1 lo stadio dell’Inter, restano in scia alla Juventus ma soprattutto allungano sul Napoli e sulla stessa Inter.

«Gli episodi? Parlare subito degli episodi mi sembra che strida, non capisco la gente cosa cerchi. La Roma ha vinto meritatamente». Luciano Spalletti fa un po’ di polemica di A me non interessano le situazioni arbitrali, anzi parlarne è una mancanza di rispetto nei confronti dei giocatori della Roma. Per tutta la settimana tutti gli ex interisti sono stati sguinzagliati in tutte le trasmissioni per parlare dei fatti arbitrali, ma a me non interessa».

«Stiamo dimostrando di meritare la posizione che occupiamo: abbiamo giocato contro una grande squadra, dove è difficile vincere, ma i tre punti sono meritati. La Juve continua a vincere, ma noi dobbiamo comunque continuare a crederci e comunque di positivo c’è cha abbiamo leggermente staccato il Napoli», parola di Nainggolan, il profeta della serata.«Io sto bene, faccio gol, ma sono un giocatore e basta: senza la squadra alle spalle non renderei così».
All’Inter non basta Icardi che compare a dieci minuti dalla fine per riaprire la partita. Ma passa qualche istante e Dzeko viene atterrato in area da Medel, l’arbitro fischia il rigore e Perotti infallibile trasforma, mettendo in cassaforte il vantaggio procurato dalle due perle di Nainggolan, due tiri da fuori area dopo essersi imposto di forza fra centrocampisti e difensori avversari. Per il secondo gol un bolide a quasi 100 km/h da 30 metri, dopo una corsa di 60 metri palla al piede. Tre gol e tre punti per la Roma, che ora guarda al derby di mercoledì in Coppa Italia e poi con maggiore serenità alla sfida col Napoli. L’Inter cade in casa dopo oltre 4 mesi e si allontana dalla zona Champions. Sotto gli occhi di Zhang Jindong, i nerazzurri si arrendono alla squadra di Luciano Spalletti, seconda a -7 dalla Juve. Sesta, invece, a +1 sul Milan la formazione di Stefano Pioli. 
Partita difficile per l’arbitro Tagliavento. Molti contatti e proteste da una parte e dall’altra, ma alla fine decisioni sostanzialmente giuste, con un rigore su Icardi che forse manca all’Inter.

METRO

Articoli Correlati
Sport