Fatti&Storie

Rozza: più rischi a S.Siro che a Quarto Oggiaro

Milano

Carmela Rozza, assessore alla sicurezza del Comuen di MIlano parla dei dati diffusi ieri dal capo della polizia Gabrielli: 4 zone rosse e rischio gang di latinos

Lambrate, Mecenate, Scalo Romana, Quarto Oggiaro e, per lo spaccio, Rogoredo. Sono questi i quartieri che per il capo della Polizia Franco Gabrielli, ieri di fronte alla Commissione parlamentare sul degrado nelle periferie, rappresentano le zone più a rischio criminalità di Milano. Malgrado i reati nel 2016 siano calati del 5%. Per Gabrielli una delle criticità maggiori a Milano è quella delle bande giovanili sudamericane. «La logica di queste azioni violente - spiega Gabrielli - è la conquista del predominio sul territorio e del controllo dei reati  in quelle aree».
L’assessore comunale alla Sicurezza, Carmela Rozza, sulla mappa delineata da Gabrielli aggiusta il tiro, in particolare su Quarto Oggiaro: «La criminalità va inquadrata. La Polizia di Stato si occupa di criminalità, la Polizia Locale di microcriminalità. A Quarto Oggiaro la sensazione di sicurezza dei residenti negli ultimi anni è aumentata. Il ché non significa che non ci sono problemi ma che sicuramente non è più il “triangolo delle Bermuda” di 10 anni fa».
«Altre zone sono più a rischio - prosegue la Rozza - come San Siro, Corvetto e Giambellino dove  esiste un vero e proprio racket delle occupazioni abusive. Per quanto riguarda Rogoredo, invece,  il problema dello spaccio è stato aggredito ed è molto diminuito negli ultimi anni».

PATRIZIA PERTUSO

Articoli Correlati
Fatti&Storie