Fatti&Storie

San Secondo, la viabilità proposta dai commercianti

TORINO viabilità

TORINO Strisce bianche e disco orario, a cui si aggiunge il limite di velocità di 30 chilometri orari. È questa la proposta che i commercianti di via San Secondo presenteranno all’assessore comunale alla viabilità Maria Lapietra, dopo la ventilata ipotesi di istituire delle strisce blu sulla strada.

L’assessore aveva già predisposto un’ordinanza, poi ritirata in attesa di valutare soluzioni alternative. E così i commercianti hanno fatto un primo passo, provando loro a mettere nero su bianco una proposta: strisce bianche sul lato ovest della carreggiata e l’obbligo dei 30 chilometri all’ora, ma anche una campagna di sensibilizzazione per i cittadini e maggiori controlli contro la sosta selvaggia. Ciò a cui dicono chiaramente no sono le strisce blu che «ucciderebbero totalmente il piccolo commercio della via favorendo i centri commerciali», dicono i commercianti.

A farsi portavoce della proposta sarà il capogruppo di Forza Italia in circoscrizione Uno, Davide Balena: «Farò una mozione per farla passare in consiglio - ha spiegato -; sicuramente la proporremo all’assessore il 15 dicembre, quando tornerà in circoscrizione in sede di commissione. La scelta fatta dai commercianti è sia un’opportunità per loro che per la lotta alla malasosta». Di contro anche l’assessore Lapietra ha già pronte tre nuove proposte. La prima ipotesi, la meno costosa, sarebbe quella di aggiungere posti a raso sui due lati; la seconda di sistemare arredi come fioriere e portabici nella zona regolata dal divieto di sosta; la terza, inserire parcheggi a spina di pesce, con un piccolo decremento da 90 a 75 stalli. Adesso se ne discuterà in commissione a Palazzo Civico.

REBECCA ANVERSA

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Vivere senza supermercato