Fatti&Storie

Referendum, il sì stravince a Milano

Milano/Post referendum

MILANO  Milano si scopre in contro tendenza rispetto ai risultati del referendum costituzionale che a livello nazionale hanno visto la vittoria del “no”. Il “sì”, infatti, ha stravinto  in centro città, al Municipio 1, con il 64,79% contro il 35,21%. Vince ancora con circa 7 punti di differenza al Municipio 3 (Porta Venezia, Città studi, Lambrate) con il 53,68% sul 46,32%, e di misura con il 50,97% al Municipio 4 (Porta Vittoria, porta Romana, Forlanini, Rogoredo). Testa a testa nei municipi 6, 7 e 8 dove per uno scarto leggero ha comunque vinto il “sì”. 

Sull’altro versante, il “no” ha vinto nella periferia Nord, al Municipio 2 e al 9 rispettivamente con il 51,97% e con il 53,52%. 

La vittoria del “sì” per il sindaco Sala «è un buon segno. Spero che sia anche un po' il riconoscimento del lavoro che stiamo facendo. Mi auguro che il nuovo governo venga ricostituito a breve e che ci porti a votare in un tempo non lunghissimo».

Sala non ha dubbi rispetto alla solidità della sua maggioranza. «Non temo scossoni - ha detto - e nel vertice di domani (oggi, ndr) che era già programmato e che non c’entra nulla con il risultato del referendum ci allineeremo per presentarci alla città con un programma in cui ognuno farà la sua parte». 

Dal canto suo il governatore Maroni, soddisfatto del “no”, pensa già al futuro: «In primavera rilanceremo il vero referendum, quello sull'autonomia della Lombardia e del Veneto».

METRO

Fatti&Storie
Uranio impoverito