Fatti&Storie

Bilancio 2016 Atm oltre ogni record

Milano

TRASPORTI L’Atm non aspetta Governo e Regione. Fa da sé. E, senza dipendere da Pantalone, accantona fieno in cascina per finanziare gli investimenti. L’ambizione, che è realtà, è resa possibile dai numeri: «I 25,8 milioni di utili del 2015, l’anno di Expo, sono stati il risultato migliore della storia», ha detto ieri Bruno Rota, presidente e dg, «ma nel 2016 posso dire che andremo oltre i 30 milioni». Oltre ogni record, grazie anche al contenimento dei costi operativi (la manutenzione è stata affidata ai 1.500 operai Atm e non più all’Ansaldo). Già il primo semestre 2016 ha un utile consolidato di 12,1 milioni, contro i 4,4 dello stesso periodo 2015. Ma gli utili non sono fini a sé: servono a fare investimenti. E questi salgono di continuo. Erano 96 milioni nel 2011; 165 nel 2015, per Expo; 130 quest’anno; ma ben 155 milioni nel 2017, 288 nel 2018 e 162 nel 2019. Un piano di investimenti, quello 2017-2019, autofinanziato fino al 93,18%.

Sarà il rinnovo della flotta, soprattutto, a beneficiare del grasso che cola: si prenderà, nel prossimo triennio, 412,2 milioni. Saranno messi in servizio su M1 e M2 trenta nuovi treni Leonardo (15 di questi sulle rotaie già nell’estate 2017 sulla M2: sale a 60 il numero complessivo di treni di ultima generazione). E sono previsti 270 nuovi autobus, così suddivisi: 125 autobus urbani da 12 metri, con motorizzazione Euro 6 a gasolio, 120 bus ibridi (-15% di consumi) da 18 metri e ben 25 bus elettrici da 12 metri. Per questi ultimi, dopo la gara fallita dell’anno scorso, è in corso un’altra gara: i mezzi (costano il doppio degli omologhi a gasolio, attorno al mezzo milione di euro) sono previsti per il centro. Autonomia: attorno ai 180 km.

Infine, i ricavi per i biglietti: nel 2016 si attestano sui 416 milioni (423 nell’anno di Expo), con tassi di evasione dimezzati grazie ai tornelli chiusi in uscita in metrò.

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati
Fatti&Storie