Fatti&Storie

Massacrato senza perché in manette l'aggressore

ROMA VIOLENTA

ROMA Massacrato per strada nella notte tra venerdì e sabato in via Gino Cervi senza un perché, da un ragazzo che abita nello stesso quartiere e che al momento dell’aggressione non avrebbe nemmeno dovuto essere in giro, dato che gli era stato notificato l’obbligo di rimanere a casa la sera per una serie di reati.

La vittima, un uomo di 70 anni, lotta tra la vita e la morte al Policlinico Umberto I. I carabinieri della compagnia Monte Sacro, avvisati da una passante che aveva notato l’anziano privo di sensi riverso in strada, si sono trovati davanti a un uomo dal volto talmente sfigurato da essere irriconoscibile.

La vittima aveva con sè solo un mazzo di chiavi. I militari, con quelle, hanno tentato di aprire tutti i portoni delle palazzine adiacenti fino a trovare quello giusto. La moglie e i due figli del 70 enne sono rimasti sotto choc alla notizia dell’accaduto. Gli investigatori, al comando del Capitano Nico Blanco, hanno raccolto testimonianze e visionato le immagini delle telecamere di sicurezza presso alcuni negozi vicini al luogo del massacro.

Ci è voluto poco per risalire al presunto responsabile, Daniel Giannelli di 24 anni. Il ragazzo, che si diletta di pugilato, non era in casa. I militari lo hanno intercettato ieri mattina per strada con gli abiti ancora sporchi di sangue, visibilmente ubriaco. Alla vista delle divise ha ammesso di aver picchiato il 70 enne, senza spiegare i motivi del gesto, riconducibili forse a un banale alterco, aggiungendo di non essersi reso bene conto di cosa aveva fatto. Ora è in carcere con l’accusa di tentato omicidio.

PAOLO CHIRIATTI

Articoli Correlati
Fatti&Storie