Salute

Patologie del cervello Una diffusione da record

Salute

SALUTE. Oltre un milione le persone affette da demenza in Italia.  Quelle colpite da Alzheimer sono 600 mila mentre circa 930 mila sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell’ictus, patologia che ogni anno fa registrare 120 mila nuovi casi. Numeri di grande impatto comunicati dalla Società italiana di neurologia alla vigilia del suo 47 Congresso Nazionale che ha snocciolato una serie di dati. Per esempio che nel nostro Paese, il Morbo di Parkinson colpisce circa 200 mila persone, mentre all’epilessia sono attribuiti 500 mila casi, dei quali almeno un quarto con situazioni particolarmente impegnative. In minoranza, ma con un trend in costante aumento, i 90 mila pazienti, spesso giovanissimi, colpiti da Sclerosi Multipla e quelli con malattie dei nervi o dei muscoli. Ma la condizione più frequente è quella della cefalea, di cui ha sofferto, almeno una volta nella vita, circa il 90% della popolazione e che richiede, in molti casi, un approccio intensivo e personalizzato, per formulare una diagnosi corretta ed evitare gravi rischi o una severa limitazione delle attività quotidiane. «Le malattie del cervello - spiega il professor Leandro Provinciali, Presidente della Sin, la Società italiana di neurologia  e Direttore del Dipartimento di Scienze Neurologiche degli Ospedali Riuniti di Ancona - costituiscono ormai la condizione patologica più diffusa nel mondo occidentale, avendo superato le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Trattandosi di malattie in costante aumento, soprattutto a causa dell’invecchiamento della popolazione, appare quanto mai necessario potenziare la risposta assistenziale. Questo sarebbe possibile attraverso una gestione più efficace dell’urgenza, che non deve più essere “generalista”, cioè indifferenziata per qualsiasi evento acuto, ma dedicata». 

LUISA MOSELLO

 

Articoli Correlati
Salute