Fatti&Storie

Rapina nel sangue Far West a Fidene

ROMA VIOLENTA

ROMA Di fronte ai carabinieri che gli hanno intimato di buttare l’arma, non ha esitato a sparare all’impazzata dall’interno della farmacia in via Radicofani, piena di clienti, dove aveva appena razziato le casse. È stata la prontezza di una donna dell’Arma a neutralizzare ieri mattina poco dopo le 11 il malvivente, che ha fatto però un tempo a ferire l’altro militare di pattuglia a un braccio e a una gamba durante una furiosa colluttazione. Il carabiniere, in forze al Nucleo Operativo della Compagnia di Montesacro, è ricoverato in codice rosso al Policlinico Umberto I, ma non versa in pericolo di vita.

Anche il rapinatore, Giovanni C. di 42 anni, è rimasto ferito a una gamba. Ora è piantonato al Pertini. Nella farmacia sono stati esplosi 17 colpi. Uno di questi ha ferito di striscio un cliente di 75 anni, medicato sul posto. Nel locale era presente anche una mamma con il figlio piccolo. «È la quarta rapina che subiamo in un mese, i carabinieri che sono intervenuti meritano un applauso» ha detto la signora Maria Assunta Florio, titolare della farmacia. Al momento della rapina in cassa era presente suo figlio. Il bandito aveva finito di scontare da poco una condanna per rapina nel carcere di Cassino. Dalle prime indagini sembra che poco prima del colpo in via Radicofani avesse razziato un’altra farmacia in via delle Isole Curzolane.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie