Meteo
 


Spettacoli

La chitarra di Marc Ribot suona per Jazz Evidence

Marc Ribot

ROMA È Marc Ribot il protagonista di Jazz Evidence, domenica h21,30 al Monk. La rassegna, punto di osservazione sul jazz contemporaneo e sulle sue nuove tendenze, entra nel vivo con il concerto del grande chitarrista americano, fra i più eclettici musicisti in circolazione. Ribot ha cominciato suonando in numerose garage band durante gli anni della scuola, mettendo a punto il suo timbro musicale personalissimo, grazie anche all’aiuto del suo mentore e maestro Frantz Casseus. Dopo essersi trasferito a New York entra nei Lounge Lizards di John Lurie, collaborando nello stesso tempo con stelle del rock e del soul come Wilson Pickett, Rufus Thomas e Chuck Berry. Ma le sue collaborazioni sono innumerevoli, da John Zorn a Laurie Anderson, da Elvis Costello a Vinicio Capossela, anche se la più conosciuta rimane quella con Tom Waits, al quale Ribot ha dato un contributo fondamentale per la creazione del suo inconfondibile sound.
Fra i prossimi ospiti della rassegna Maria Pia De Vito con Rita Marcotulli e Tony Allen & Jazz Messangers.

 

STEFANO MILIONI

 

Articoli Correlati
Spettacoli