Metroquadrato

Cellulosa e nanotecnologie per una casa sempre più efficiente

Ricerca

EDILIZIA Il 45% degli edifici in vendita o in affitto è in classe energetica G. La stima che mette insieme gli annunci pubblicati sia da professionisti (agenzie e costruttori) sia da privati, arriva dal portale Immobiliare.it. Secondo la rielaborazione dei dati forniti all'Adnkronos, è in classe A+ e A solo il 4% degli edifici. Seguono le classe B e C con il 5%, la classe D con il 6%, classe E con il 7% e classe F con l'8%. Il rimanente 20% degli annunci di case in vendita o in affitto non indica una classe specifica. A trascurare maggiormente l'indicazione della certificazione energetica dell'immobile sono i privati, a dispetto dell’obbligatorietà dell’indicazione della certificazione energetica per compravendere, affittare o donare un immobile, o per pubblicare un annuncio.

Imprese verdi a Torino
E mentre l’edilizia fa i conti con un presente incerto, il futuro è al lavoro. Giovedì, a Torino, l’Incubatore di Imprese Innovative del locale Politecnico mette in mostra imprese come BeEco, Greenovation, Growing Green, Textudo, Nesocell: pareti rivestite da specie vegetali, rivestimenti isolanti minerali, utilizzo degli scarti di cartiera (la cellulosa in fiocchi nei muri garantisce sensibili risparmi energetici)...

Pitture intelligenti
Passando alle nanotecnologie, appuntamento al MADE Expo milanese (alla Fiera di Rho, 18-21 marzo). NanoPhos, greca, leader mondiale, esporrà gli ultimi ritrovati, fra i quali prodotti come SurfaPore (rende le superfici idrorepellenti mantenendone la “traspirabilità”) o SurfaPaint Thermo Dry (pitture termoisolanti certificate).

CASE DI CLASSE
Ricerca di Legambiente.
Sono 69i Comuni che prescrivono per i nuovi edifici e le ristrutturazioni che si raggiunga minimo la classe B: 44 in Lombardia, 9 in Trentino Alto Adige, 4 in Friuli Venezia Giulia, 3 in Veneto, 2 in Marche e 2 nel Lazio,1 in Puglia, in Liguria, in Toscana, in Sicilia ed in Campania.

METRO

Articoli Correlati
Metroquadrato