Meteo
 


Opinioni

Ora per Alexis Tsipras la strada è obbligata

Maurizio Guandalini

In Grecia finisce l’austerità? Finirà il rigore? Gli ellenici usciranno dall’euro? Calma e gesso. L’euro rimarrà la moneta greca (l’80% dei greci non vuole rompere ma trattare con l’Ue).  Sul resto tutto è possibile.  Su un punto destra, sinistra, centro - buona parte degli stati della fascia mediterranea (Italia, Spagna e Francia inclusi) - sono d’accordo: è ora di voltare pagina. Le ricette della troika – e dei rigoristi conservatori, Merkel in testa e dietro tutto il Nord Europa – sono fallaci.

Il programma di Tsipras è condivisibile in molte parti. Taglio del debito, investimenti e aumento delle pensioni: cosa c’è di così rivoluzionario? Tsipras deve lavorare di fino e con strategia (avrà il tempo?). Può essere la testa di ariete per altri paesi stanchi di stress-test. In Spagna si vota a novembre e Podemos (un frullato di grillini e Syriza) è la prima forza politica con lo slogan no all’austerità. Il capo delle sinistra greca  è obbligato a portare a casa qualcosa. Non può disilludere chi ha sperato in lui.  Quindi, ora, la partita si sposta in Europa e solo alleandosi con altri paesi (la Grecia è il 2% del pil europeo) arriveranno degli spiragli concreti (non a caso Syriza dice che Renzi sarà un ottimo alleato).

Alla fine i conti devono tornare. Alla  Troika (Bce, Commissione europea, FMI), si può dire tutto il male possibile, ma i denari, in Grecia, li manda, senza sosta, permettendo al Governo di pagare  stipendi e pensioni. Fare lobby, fare gruppo, dialogare per ribaltare le sorti di una Europa ancora troppo cieca, lenta e inadeguata alle sfide, è la sola strada possibile di Tsipras.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Opinioni