Meteo
 


Famiglia

Per divorziare si potrà andare dal sindaco

Divorzio

FAMIGLIA  Tra dieci giorni, dall'11 dicembre, per divorziare si potrà andare dal Sindaco. Sarà possibile evitare le lunghe trafile  nei tribunali e anche l'assistenza dell'avvocato sarà facoltativa. È una delle novità introdotte dal  “decreto giustizia” (d.l. n. 132/2014), convertito in legge il 6 novembre scorso, con l'obiettivo di semplificare le procedure in materia di separazione e divorzio, evitando di dover sovraccaricare di lavoro le cancellerie dei tribunali per quelle questioni dove è sufficiente una procedura amministrativa.

L'articolo 12 

L’art. 12 del provvedimento prevede, in particolare, che marito e moglie possano comparire davanti  al Sindaco, quale ufficiale dello stato civile, del Comune di residenza di uno di loro o del Comune presso cui è stato iscritto trascritto l’atto di matrimonio e concludere un accordo di separazione personale, di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.
Una volta ricevute le dichiarazioni da ciascuno dei coniugi personalmente (con l'eventuale e facoltativa assistenza di un avvocato) viene sottoscritto l'accordo che avrà valore di provvedimento giudiziale. Fatta eccezione per l'accordo sulla modifica delle condizioni di separazione e divorzio, per le altre ipotesi è previsto, tuttavia, un doppio passaggio, per concedere alla coppia un po' di tempo per ripensarci. 

Le limitazioni
L'articolo 12 non si applica in presenza di figli minori, maggiorenni non ancora economicamente autosufficienti e portatori di handicap grave. In questi casi rimane necessario il passaggio dal giudice. 

In caso di figli

Per questi casi sono previste semplificazioni: si potrà ricorrere alla negoziazione assistita, istituto, introdotto dalla stessa riforma (art. 6), che consente alla coppia di separarsi, sciogliere o far cessare gli effetti civili del matrimonio ovvero di modificare le condizioni di separazione o di divorzio prefissate, con l'assistenza di uno o più legali di fiducia, anche in presenza di figli, previo nulla osta del procuratore della Repubblica, «quando ritiene che l'accordo risponde all'interesse dei figli».

METRO

Articoli Correlati
Famiglia