Meteo
 


Sport

Viola e Toro gara d altri tempi e la Fiorentina vede la Champions

Calcio – «Potevamo anche perdere, ma alla fine abbiamo legittimato la nostra vittoria». Il tecnico della Fiorentina Vincenzo Montella tira le orecchie ai suoi e allo stesso tempo fa i complimenti al Torino per essere riuscito a rimontare da 3-0 a 3-3 prima di capitolare definitivamente 4-3 nel finale (gol liberazione di Romulo). «La squadra – sostiene l'allenatore viola – ha avuto un netto calo di concentrazione, l'importante, comunque, è che abbia avuto la forza di reagire. Troppi gol subìti? Ci sono anche le giocate dei singoli e degli avversari... e poi il timore di non vincere la partita».
Gara da brividi È stato un grande spettacolo al Franchi. La Fiorentina per 40' ha dominato, mostrando il suo volto più bello: gioco rapido e divertente, pressing a tutto campo, infallibile sotto porta (splendido il gol di Cuadrado, poi a segno Aquilani e Ljajic con Gillet da rivedere); poi i viola si sono seduti, subendo gol prima dell'intervallo (Barreto) e la rimonta granata trascinata dagli ex, Santana e Cerci. La Fiorentina teme il peggio, Cerci spreca un'occasionissima in contropiede poi, a -4 dalla fine, torna avanti: percussione centrale di Romulo, che riceve da El Hamdaoui, appena subentrato a Larrondo, un pallone impossibile da sbagliare. Clamoroso 4-3, il Toro non ha più la forza né il tempo per rialzarsi (espulso Darmian) e così la Fiorentina, tra mille sofferenze, vede la Champions a un passo; il Toro, invece, dovrà ancora lottare un po' per assicurarsi la salvezza.
(Metro)

Sport