Meteo
 


Sport

Comitato unico olimpici e paralimpici L idea il sogno di Luca Pancalli

Sport Un centro nord trainante negli sport paralimpici laquo soprattutto Lombardia e Veneto che vorrei fossero sempre pi ugrave regioni capofila delle ldquo buone pratiche rdquo raquo e un centro sud che laquo continua a scontare un preoccupante ritardo raquo egrave solo una delle considerazioni che Luca Pancalli n deg 1 del Comitato Paralimpico Italiano affida a Metro Pancalli ha appena ldquo visitato rdquo proprio la Lombardia e il suo Comitato guidato da Pierangelo Santelli Un giro per scandagliare il ldquo territorio rdquo e confrontarsi sulle linee di indirizzo che coinvolgono il ruolo delle Federazioni sportive e delle discipline associate Parlare con Pancalli egrave sempre l rsquo occasione giusta per fare il punto laquo Siamo un bambino che sta ancora imparando a crescere raquo dice laquo dobbiamo ancora fare moltissimo specie in rapporto all rsquo obiettivo numero uno allargare la base giovanile della pratica sportiva paralimpica raquo Tirare fuori i giovanissimi dal guscio della loro disabilit agrave egrave difficile a causa dei genitori C rsquo egrave una componente famigliare di cui va tenuto conto Ma anche bisogna considerare il grado e il tipo di disabilit agrave Voglio dire che bisogna innescare meccanismi per cui le strutture di base per esempio le unit agrave spinali siano sempre pi ugrave attrezzate per offrire con competenze giuste l rsquo opportunit agrave migliore di praticare sport E per questo servono quadri tecnici preparati Evitare le discriminazioni ecco il problemaDove c rsquo egrave un bambino disabile c rsquo egrave spesso un fratellino o una sorellina normodotata che va in piscina Se il disabile non pu ograve andarci come si sente secondo lei Le risorse che avete sono sufficienti Assolutamente no Abbiamo fatto grandi passi in questi dieci anni il CIP come ente pubblico dotato di autonomia egrave nato con una legge del 2003 ndr ma se guardo alla Gran Bretagna per esempio vedo che sta enormemente pi ugrave avanti Quello che si fa fatica a far passare in Italia egrave l rsquo idea di sport come prevenzione Ma questo vale anche per gli ldquo abili rdquo Un fatto culturale S igrave pare che da noi in Italia lo sport sia vincere una medaglia E non esercitare un rsquo attivit agrave motoria hellip ecco forse proprio su questo punto noi paralimpici possiamo dare una ldquo lezione rdquo Progetti Un unico grande comitato olimpico e paralimpico egrave un obiettivo cui guardare Con cautela questo s igrave Non per fare un passo indietro rispetto alla nascita autonoma del Cip ma per farne uno avanti Metro ha parlato anche con Pierangelo Santelli n deg 1 dei lombardi paralimpici Che a loro volta sono dei ldquo numeri uno rdquo a livello nazionale laquo In Lombardia si svolge il 40 delle manifestazioni paralimpiche italiane raquo dice Santelli nbsp che si aspetterebbe fa sapere una ripartizione proporzionalmente pi ugrave ldquo generosa rdquo nbsp dei fondi a disposizione L rsquo incontro con Pancalli egrave servito a mettere a fuoco le ldquo linee guida rdquo del quadriennio si diceva Fuori di burocratese nbsp significa che si attendono strumenti progetti e programmi per permettere alle singole federazioni di ldquo gestire rdquo in modo ottimale i paralimpici Motivo Spesso non accade o accade con difficolt agrave Spiega Santelli laquo In questi ultimi quattro anni abbiamo trasferito competenze alle singole federazioni ma queste non gestiscono ancora al meglio tutti gli aspetti della preparazione atletica dei disabili In una regata del campionato della Federazione della Vela per esempio dei disabili possono stare in barca per ore e ore e questo comporta problemi fisici rilevanti Noi abbiamo dovuto fare un corso con medici appositamente preparati proprio perch eacute la FIV fosse in condizione di risolvere il problema raquo Ma le asperit agrave si presentano di continuo anche perch eacute non tutte le discipline ldquo ospitano rdquo le ldquo sezioni rdquo paralimpiche come lo sci nautico o il canottaggio da decenni Ci sono discipline in cui paraplegici e amputati non possono gareggiare insieme E altre come la pallacanestro dove ci sono ben 8 categorie diverse a seconda dell rsquo handicap laquo Abbiamo iniziato a fare sport per i disabili dal rsquo 48 con Goodman raquo dice Santelli laquo ma da allora l rsquo evoluzione delle conoscenze egrave continua raquo Sergio Rizza sergio rizza metroitaly ittwitter sergiorizza nbsp nbsp

Sport