Meteo
 


Fatti&Storie

Juventus la corsa continua Il Siena polverizzato 3 0

La rabbia di Conte. E, prima, la fortuna di Lichtsteiner (“bucio de c…”, ha scherzato lo svizzero ricordando i suoi trascorsi romani), una punizione battuta alla svelta da Pirlo che aveva mandato in gol Giovinco, il sigillo di Pogba: la Juventus regola 3-0 il Siena e allunga a + 7 sul Napoli, chiamato stasera a rispondere al Friuli di Udine. I campioni d’Italia hanno fatto quello che dovevano, messi sull’avviso dai timori di Conte: senza esagerare, hanno messo il Siena nell’angolino e, strada facendo, hanno dilagato. «Il 3-0 finale è troppo punitivo nei nostri confronti», ha detto alla fine Iachini, tecnico dei toscani. Forse è vero: certo però non si può mettere in discussione il verdetto finale, pur se la Juve non ha dato l’impressione di spingere al massimo ed è evidente che alcuni suoi  uomini – Giovinco in primis, ma anche Vucinic - non siano al meglio. Però, per battere il Siena, quanto messo in campo ieri è bastato.
Fischi ingiustiSemmai, vanno rilevati i fischi nei confronti soprattutto di Giovinco che hanno fatto andare Conte su tutte le furie: «I fischi danno fastidio – ha ribadito Conte -. Da un anno e mezzo questa squadra fa grandi cose: fischiare è inopportuno.  Chi lo fa, è uno pseudo tifoso e deve ricordarsi che fino a due anni fa giocavamo la coppa del nonno: serve un bagno di umiltà. Se si pensa che certe partite e quivalgano a una scampagnata, siamo sulla cattiva strada».
(domenico latagliata)

Fatti&Storie