Meteo
 


Fatti&Storie

Coppie gay Corte Ue apre alle adozioni

Strasburgo. Vietare l'adozione di bambini alle coppie omosessuali se i piccoli sono figli di uno dei due partner è discriminatorio. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani in una sentenza emessa su un ricorso presentato da due donne austriache. In sostanza, nelle coppie gay i partner devono avere il diritto ad adottare i figli dei loro compagni, così come avviene per le coppie eterosessuali non sposate. La Corte ha  precisato che i 46 Stati membri del Consiglio d'Europa non sono tenuti a riconoscere il diritto all'adozione dei figli dei partner alle coppie non sposate. «La possibilità di adozione alle coppie omosessuali - spiega Alberto  Gambino, direttore Dipartimento di Scienze Umane dell’Università Europea di Roma -  opera soltanto per quegli ordinamenti che consentono l’adozione anche alle coppie non sposate, mentre in Italia ciò non è possibile». Codice civile e Costituzione indicano che «la diversità di sesso dei coniugi costituisce presupposto indispensabile del matrimonio e che solo a tale forma di unione il legislatore riconosce la possibilità di accedere all’adozione di bambini». Imma  Battaglia, presidente di Di Gay Project, auspica che l’Italia possa adeguarsi presto all’esempio di questa storica sentenza.
La situazione in Europa e nel mondo
Germania e Finlandia garantiscono a chi vive in una convivenza con persone dello stesso sesso la possibilità di adottare i figli naturali del partner (da ieri in  in  Germania  anche i figli adottivi). Il Regno Unito nel   2002 ha reso legale   l'adozione congiunta di minori alle coppie di fatto etero e gay,  nel 2007 la Scozia ha approvato una legge simile. Dal 2006 anche il Belgio prevede l'adozione di minori da parte di coppie gay, così come in Islanda. Nel resto del mondo per gay e lesbiche è possibile adottare in alcuni stati negli Usa (come California, Massachutts, New Jersey, New York). Singolare il caso di Israele che, dal 2005, consente alle donne gay di adottare bambini o i figli della compagna, ma non alle coppie maschili.
 
(Metro)

Fatti&Storie