Meteo
 


Fatti&Storie

Un milione di firme per salvare gli elefanti

Roma. Stroncare il traffico di avorio insanguinato che vede protagonista la Thailandia e alimenta il massacro degli elefanti in Africa, dove il bracconaggio ha raggiunto livelli record con decine di migliaia di esemplari uccisi ogni anno per strappare loro le zanne. Il Wwf ha lanciato una petizione in 156 Paesi del mondo, alla quale si può aderire sino al 14 marzo (wwf.it/stopavorio). Obiettivo: un milione di firme per chiedere al primo ministro thailandese di vietare del tutto il commercio di avorio. L’autorizzazione alla vendita di quello “locale”, infatti, viene sfruttata dai criminali per far affluire quello proveniente dall’uccisione illegale di elefanti africani. A marzo si svolgerà proprio in Thailandia la Conferenza delle parti della CITES (la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione). «Tutti i governi, Italia in testa, hanno l’opportunità di prendere le decisioni giuste - sottolinea il Wwf - per ridurre la domanda di prodotti provenienti da specie in via di estinzione».
 
(Metro)

Fatti&Storie