Meteo
 


Fatti&Storie

Cucchi fu vittima di medici negligenti

«I medici dell'ospedale Sandro Pertini con condotte colpose o con imperizia o con negligenza, non hanno saputo individuare la patologia da cui era affetto il paziente Stefano Cucchi, di cui sottovalutarono le condizioni. L'evento morte era prevedibile».
Cosi i periti incaricati, dalla corte di assise, di stabilire le cause della morte di Stefano Cucchi, deceduto il 21 ottobre 2009 nel reparto giudiziario dell'ospedale Sandro Pertini a pochi giorni dal suo arresto, testimoniando in aula nel corso del processo. Sul banco degli imputati sei medici, tre infermieri e tre agenti penitenziari, accusati a seconda delle posizioni di favoreggiamento, abbandono d'incapace, abuso d'ufficio, falsita' ideologica, lesioni e abuso di autorità.
Secondo i pm Vincenzo Barba e Maria Francesca Loy, Cucchi fu picchiato nelle celle del tribunale mentre era in attesa della convalida dell'arresto, e poi abbandonato al suo destino in ospedale. Due eventi che per gli inquirenti non hanno un nesso causale con la morte. Per i periti, i medici del Pertini «non si sono mai resi conto di essere di fronte ad un caso di malnutrizione importante». Il processo è stato aggiornato al 30 gennaio.
(Metro)

Fatti&Storie