Meteo
 


Fatti&Storie

Si vota il 24 febbraio e Monti si prepara

Roma. Il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri ha informato il Quirinale che la macchina organizzativa in vista delle elezioni il 17 febbraio sarebbe pronta, ma sarebbe auspicabile che il voto si tenesse il 24 per organizzare tutto al meglio. Una sottolineatura che viene accolta positivamente dal Quirinale vista anche «la complessità e delicatezza degli adempimenti tecnici connessi al voto degli italiani all’estero». In precedenza, però, Napolitano aveva anche sottolineato come sia «interesse del Paese che non si prolunghi eccessivamente la campagna elettorale affinché possa ristabilirsi al più presto la piena funzionalità delle Assemblee parlamentari e del Governo in una fase sempre critica e densa di incognite per l’Italia».
Tempi stretti per lo scioglimento delle Camere
A determinare i tempi per lo scioglimento delle Camere sarà il via libera alla legge di Stabilità, da ieri in discussione in aula al Senato, che potrebbe essere varata in via definitiva dalla Camera domani sera. Si vorrebbe varare anche il ddl sulle pene alternative al carcere vista la protesta di Pannella e il monito di Napolitano. Ieri vertice dei centristi pro-Monti a Palazzo Chigi, con Casini, Montezemolo e lo stesso presidente del Consiglio. «Monti non è indeciso, in cuor suo ha preso una decisione - ha detto Casini - ma rispetta le regole: aspetta lo scioglimento delle Camere».
Soldi per la Tav Torino-Lione nel ddl Stabilità
La commissione Bilancio del Senato ha approvato l’emendamento presentato martedì notte dal governo al ddl Stabilità che stanzia 2,2 miliardi di euro per la Tav Torino-Lione dal 2016 al 2029. L’emendamento prevede un aumento delle risorse di 150 milioni per la Tav nel 2015 (da 530 a 680 milioni) e risorse per 150 milioni all’anno dal 2016 al 2029.
Tolta la norma contro le catene da neve
Espunta dalla legge di Stabilità la norma che - in particolari condizioni - avrebbe obbligato gli automobilisti all’uso esclusivo di pneumatici invernali con la messa al bando delle catene. Lo rende noto il capogruppo del Pd in commissione Trasporti alla Camera, Michele Meta, ringraziando il governo per aver tolto «una norma confusa e ingiusta».
Arrivano le sale da poker
Nella legge di Stabilità rispuntano le sale da poker. La commissione Bilancio ha approvato un subemendamento che cancella lo slittamento previsto dall’emendamento milleproroghe sull’avvio delle gare per l’apertura di sale dove sarà possibile giocare d’azzardo. Una misura per la quale il ministro della Salute, Balduzzi, si era già detto «sconcertato».
“Con taglio gli atenei al collasso”
«Un colpo mortale per la formazione universitaria del nostro Paese». Così rettori e studenti definiscono l’emendamento della legge di Stabilità, licenziato dalla Commissione Bilancio del Senato, che attribuisce agli atenei solo 100 dei 400 milioni «necessari alla sopravvivenza». Per la Conferenza dei rettori e il Consiglio nazionale degli studenti universitari il taglio per il 2013 «provocherà una crisi gravissima e irreversibile, portando al collasso la maggior parte degli atenei italiani» se il Senato non provvederà a ripristinare i 400 milioni.
In Cdm oggi il dl “liste pulite”
Oggi il Consiglio dei ministri darà il via libera definitivo al dl sulle “liste pulite”. Ad annunciarlo è stata il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, dopo il voto favorevole incassato ieri dal provvedimento dalle Commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera. Martedì il dl aveva già incassato il sì delle Commissioni competenti del Senato.
 
(Metro)

Fatti&Storie