Meteo
 


Fatti&Storie

Scandalo rimborsi Minetti perde la testa e sbotta col cronista Mi hai toccato un

regione Acque agitate ieri al Pirellone (e non solo per la 17esima inchiesta che travolge la Regione, un'altra  sulla sanità, leggi affianco). Qui, a rendere elettrico l'ultimo giorno del Consiglio prima dello scioglimento è stato l' “affair rimborsi elettorali”.
Lunedì era stato sentito dai pm il consigliere Boscagli (Pdl), mentre altri cinque esponenti della maggioranza, tra cui Nicole Minetti e il capogruppo della Lega, Stefano Galli, si erano rifiutati di comparire. E a perdere la testa ieri è stata proprio l'igienista  Minetti, che, interrogata sul rifiuto a farsi interrogare, è sbottata. A farne le spese, un cronista, al quale la consigliera ha urlato: «Che fai? Mi hai toccato una tetta? Se mi tocchi un’altra volta poi ti tocco io e sono cazzi tuoi».
Rimborsa le nozze
Intanto, il leghista Galli,  ha comunicato via Facebook di aver «provveduto a rimborsare interamente a Regione Lombardia le spese sostenute per il ricevimento matrimoniale di mia figlia (circa 6 mila euro, ndr), che erroneamente erano state inserite nella mia personale lista dei rimborsi». E ha aggiunto: «Chi mi conosce davvero - scrive ancora - sa che, se avessi voluto arricchirmi, avrei accettato le centinaia di migliaia di euro che mi sono state offerte per influenzare appalti». Come dire: io sì che sono onesto che ho solo preso  6 mila euro per mia figlia...
Andrea Sparaciari

Fatti&Storie