Meteo
 


Sport

L Inter cade di brutto in Russia 0 3 Ma Stramaccioni contento dei giovani

L Inter cede il primo posto del girone al Rubin Kazan In Russia la squadra di Stramaccioni perde 3 0 la penultima gara della fase a gironi dell Europa League e si deve accontentare del secondo posto Passivo troppo pesante per la squadra nerazzurra che non ha giocato male ed ha sub igrave to solo il gioco di rimessa dei russi Inter sperimentale quella schierata da Strama nel primo tempo Il tecncio lascia spazio in campo a diversi giovani che rappresentano il futuro societario Passano per ograve solo 100 secondi e il Rubin va in gol con Karadeniz dopo un rinvio maldestro sul palo di Juan Jesus Sar agrave questa l unica vera occasione per la squadra russa prima delle reti di Rondon 85 e 93 che chiudono di fatto la partita Da dire subito che la ldquo meglio giovent ugrave rdquo nerazzurra si egrave comportata bene Benassi Roman ograve nella foto e Livaja hanno dimostrato carattere e grinta Tra i veterani invece confusa la prestazione di Gargano buona quella di Coutinho a volte troppo egoista Chiuso il primo tempo sotto di una rete l Inter manda in campo nella ripresa Zanetti e Palacio intensifica il gioco ma subisce sul finire l uno due russo che chiude la gara Francesco Nuccioni STRAMACCIONI A FINE GARAIl tecnico nerazzurro dice che il risultato laquo a caldo mi d agrave fastidio eravamo nbsp un po rsquo increduli nel commentarlo perch eacute secondo me l rsquo Inter per 70 rsquo ha fatto la partita qui a Kazan su un campo difficilissimo raquo La lettura della gara laquo L rsquo Inter l rsquo ha condotta Abbiamo preso gol al 1 rsquo e all rsquo 86 rsquo e abbiamo fatto bene per 85 rsquo C rsquo erano tanti giovani in campo oggi contavamo sul nono ragazzo del settore giovanile che esordiva nella mia gestione io sono molto soddisfatto di questo Faccio i complimenti a Benassi Roman ograve e Donkor Questo egrave un segno che il nostro settore giovanile egrave importante La media d rsquo et agrave all rsquo inizio della gara era di 22 anni e mezzo raquo

Sport
Benedetta Pilato, a destra, e Martina Carraro (www.federnuoto.it)