Meteo
 


Fatti&Storie

Primarie parola d ordine

Anche viste dal web, e dopo la “scorpacciata” di candidati del centro sinistra in tv, le Primarie lombarde del centro sinistra (o civiche, o consultazione, o appuntamento...) sembrano  un rebus la cui parola chiave è sempre di più “civiche”.  Intanto un punto fermo c’è: il ministro dell’Interno Cancellieri ha indetto le elezioni per il 10 e 11 febbraio. Altro punto fermo: si faranno, sono citate nel documento finale della segreteria Pd e saranno organizzate dal Comitato promotore del  Patto Civico.
Ambrosoli ha chiarito chi non vuole in squadra: i partiti. Eppure Cornelli, segretario metropolitano  Pd conferma: primarie civiche, promotori «i partiti, movimenti, studenti, società...». Pisapia sostiene sia «fondamentale uscire dallo schema secondo cui siano i partiti a indire le primarie». 
A destra è un altro  tipo di rebus: il governatore  Formigoni   puntella il suo candidato, Albertini, che ha scelto il nome della  lista: sarà “Lombardia Civica” (appunto) ma Podestà, presidente della Provincia, ribadisce: la  Lega è indispensabile, «stimo Albertini, collega di partito, ma è sbagliato escluderla».   
(Simona Mantovanini)

Fatti&Storie