Meteo
 


Fatti&Storie

La spesa virtuale sbarca in metr

Donna, tra i 25 e i 40 anni, lavoratrice, con un accesso a un pc e che smanetta sullo smartphone. È l’utente tipica di klikkapromo.it il sito che da tre settimane  ha trasformato alcune stazioni del metrò (S. Babila, Loreto, Piola, Bisceglie, Lotto, Cairoli Castello, De Angeli, Gessate, Centrale FS, Sesto FS e S. Ambrogio ) in supermercati virtuali. Il principio è semplice: la società propone un paniere di 20 prodotti di marca (stampati sui cartelloni pubblicitari) e dà al passeggero la possibilità - fotografando un codice Qr col telefonino - di sapere quale supermercato nelle vicinanze della fermata lo offre al prezzo migliore. Comodità e risparmio (che varia dal 35% al 50%): acquistando l’intero paniere, in media si spenderebbero 70 euro, grazie al sito, nei passati 21 giorni, se ne sono risparmiati 35.
Un nuovo modo di fare la spesa che è già piaciuto a 150 mila persone, in prevalenza signore, come testimonia la classifica degli acquisti, guidata dagli assorbenti, seguiti dalla pizza. «Siamo partiti da Milano perché è la città dove un passeggero su due  possiede uno smartphone - spiega Luciano Mazzone, a.d. di klikkapromo  - ; perché il cellulare prende in ogni stazione; perché per la concorrenza è necessario che ci siano molti supermercati vicini». Un progetto che si allargherà: «A dicembre saremo anche alla fermata Duomo e, soprattutto, a fine anno, sbarcheremo nel metrò di Roma. Ma la vera speranza - conclude Mazzone - è permettere all’utente di ordinare la spesa nei vari supermercati, così da dover solo passare a ritirarla in cassa una volta uscito dal metrò. Stiamo trattando con alcune grosse catene, se fosse per noi, saremmo pronti anche domani».(Andrea Sparaciari)

Fatti&Storie