Fatti&Storie

Sull indagine al Sant Andrea non ho nulla da nascondere

Si dice «fiducioso nel lavoro della magistratura», il professor Riccardo Sinatra, il primario di cardiochirurgia dell’ospedale Sant’Andrea indagato, dalla Procura di Roma per falso ideologico e falso materiale. L’inchiesta riguarda le specializzazioni  che, secondo l’accusa, sarebbero state ottenute dagli studenti di medicina senza operare realmente.
Professore, la denuncia è partita da alcuni specializzandi che a loro dire assistevano in sala operatoria ma a cui veniva impedito di fare pratica.Per rispetto al lavoro dei magistrati entro nel merito dell’inchiesta, ma la denuncia contro di me è stata fatta anche dal Rettore della Sapienza Frati. In questa vicenda manca il contesto entro il quale si è formalizzata la denuncia.
Il Rettore ha qualcosa contro di lei?Non rispondo a questo. Confido nelle indagini. Ho consegnato agli inquirenti elementi utili per dimostrare la mia innocenza e per individuare il perché di questa denuncia.
I Nas hanno sequestrato 812 cartelle cliniche, un numero che fa impressione.È del tutto normale, perché in questo ospedale si opera tanto e bene. Gli studenti che si sono specializzati in cardiochirurgia sotto la mia supervisione, operavano eccome. E sono stati assunti in importanti ospedali del Nord Italia, con la piena soddisfazione dei primari che li hanno voluti con loro.
(Paolo Chiriatti)

Fatti&Storie