Meteo
 


Fatti&Storie

Sul caso Sali carabinieri all attacco

lodi Nel giorno di festa delle Forze Armate, celebrate a Milano con un solenne alzabandiera in piazza Duomo seguito dal concerto della Fanfara dei Carabinieri, si accendono le polemiche per la morte del carabiniere  Giovanni Sali, ucciso sabato a Lodi.
A dare fuoco alle polveri sono i sindacati Coisp e Cocer, che accusano Governo e vertici dell'Arma di non aver accolto la loro richiesta di portare a due i carabinieri di quartiere in servizio.  «Lo avevamo annunciato ed è arrivato puntuale: il primo morto tra le forze dell’ordine che pesa sulla coscienza di un modo di governare le pubbliche amministrazioni del tutto irresponsabile», ha dichiarato Franco Maccari del Coisp.
Sul fronte delle indagini,   gli esami hanno evidenziato che Sali è stato colpito da due pallottole esplose dalla sua arma, mentre una terza è andata a vuoto. Per gli inquirenti, che  stanno visionando i filmati alla ricerca di indizi, l'appuntato stava controllando due auto sospette.
(Metro)

Fatti&Storie