Meteo
 


Fatti&Storie

L aeroporto di Forl dedicato a Mussolini

Massimo Balzani, direttore di Unindustria di Forlì-Cesena.La sua proposta di intitolare l’aeroporto di Forlì-Cesena a Mussolini ha suscitato un vespaio di polemiche. Perché il duce?Perché è nato qui, ma la mia è solo una provocazione. È stato appena pubblicato un bando per l’acquisizione dello scalo, che è in forte deficit di bilancio. Se nessuno acquisterà, l’aeroporto verrà chiuso.Ma lei è fascista?Assolutamente no, né voglio fare revisionismo storico. Provengo da una famiglia repubblicana e rispetto i valori partigiani. Il punto è un altro: se l’aeroporto chiuderà i cittadini forlivesi dovranno pagare gli aeroporti di Rimini o Bologna, mentre ora ne hanno uno che funziona bene, è in regola ed è meglio attrezzato. Però è in deficit di bilancio e non ha molti voli…Sì e ci hanno detto che è un problema di visibilità. Il duce non ha nulla di positivo da darci se non la notorietà. Forse così potrebbe restituire una parte del debito che ha contratto negli anni della dittatura con questa popolazione.Intitolarlo a Mussolini potrebbe dare, più che visibilità, cattiva pubblicità…È probabile, ma è un personaggio noto. Se qui fosse nato Lenin avrei fatto lo stesso.Quindi è favorevole ad intitolarlo a qualcun altro?Certo. L’importante è non chiuderlo.
(Valentina Valente)

Fatti&Storie