Meteo
 


Fatti&Storie

De Tomaso guai per Rossignolo Jr

Hanno atteso che rientrasse da un viaggio di lavoro e poi hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare. Ieri mattina l’ex amministratore della De Tomaso, Gian Luca Rossignolo, figlio del patron Giovanni Mario, è stato arrestato dalla guardia di finanza  a seguito degli sviluppi dell’inchiesta sull’indebita percezione di contributi pubblici erogati dal ministero del Lavoro e destinati a corsi di formazione per il personale della casa automobilistica, mai realizzati.
Le indagini per fare luce sulla destinazione dei finanziamenti pubblici ricevuti dalla De Tomaso avevano già portato, a luglio, all’arresto di tre persone per truffa aggravata ai danni dello Stato, tra le quali il patron Giovanni Mario Rossignolo, presidente dell’azienda automobilistica (messo ai domiciliari, misura poi attenuata in obbligo di dimora).
Già trasferito nel carcere di Torino, Gian Luca Rossignolo è accusato di aver ricoperto un ruolo determinante per il rilascio della polizza fidejussoria, poi rivelatasi falsa, utilizzata per far arrivare il finanziamento pubblico di circa sette milioni e mezzo di euro. I magistrati contestano a Rossignolo Junior, tra l’altro, anche di aver intascato parte del denaro che la stessa De Tomaso, una volta ricevuto il finanziamento pubblico.
(Rebecca Anversa)

Fatti&Storie