Meteo
 


Fatti&Storie

La casa ad affitto agevolato che fa tremare l assessore

Daniela Benelli, assessore ai Servizi Civici del Comune di Milano.
Lei è risultata nell’elenco degli affittuari delle case dell’Istituto ciechi, al centro di un’inchiesta perché locati a prezzi di favore. È vero che paga 4200 euro di affitto all’anno per un appartamento in centro a Milano? No. Sono sì locataria di un appartamento che apparteneva all’Istituto, ora dell’Unione italiana ciechi, ma pago 12.100 euro all’anno.
Comunque pochi per un appartamento in centro…Si tratta di un piccolo e vecchio appartamento in via Marcora di 80 mq. È un prezzo di mercato, non ho nessun privilegio né per quanto riguarda il canone, né per l’assegnazione.
A proposito di assegnazione, ma come l’ha avuto l’appartamento?Ci abito da gennaio prima ero in un altro appartamento in via Macchi, sempre di proprietà dell’Istituto. Pagavo 16 mila euro all’anno per un quarto piano senza ascensore di 120 mq. Non era comodo e quando ho manifestato l’intenzione di spostarmi me ne hanno proposto un altro.
E il primo, quello in via Macchi, come l’ha trovato?Tramite un giro di voci.
Quindi senza asta pubblica?Nel 2005 si potevano locare senza asta.
All’epoca era anche assessore provinciale alla Cultura. Anche se non c’è nessun illecito, non pensa che per opportunità politica avrebbe dovuto rinunciarci?Non vedo perché. Stiamo parlando di appartamenti messi a disposizione da un ente di diritto privato, che assegna gli appartamenti solo a persone da cui hanno la sicurezza del pagamento. Questa è l’unica condizione, per il resto non ho avuto nessun privilegio.
(Valentina Valente)

Fatti&Storie