Meteo
 


Fatti&Storie

Cartelli pazzi per la Ztl Navigli

Prima un obbligo ad andare dritto, seguito da un obbligo di svolta a sinistra che annulla il cartello precedente, ma che permette ai veicoli diversi dagli autocarri di proseguire dritto. Questi ultimi, però possono svoltare anche a destra, entrando in un contromano. Il tutto, comunque non potrebbe avvenire, perché su quel tratto di strada vige per gli autocarri un bel divieto di circolazione.
Quello appena descritto è il delirio cui si trova di fronte l’ignaro automobilista che, arrivando dalle Colonne, si azzardi a percorrere piazza XXIV Maggio, all’altezza dell'incrocio con via Scoglio di Quarto. Una selva di cartelli, distinti tra vecchia segnaletica e nuova, in palese contraddizione tra loro.  Un pasticcio, iniziato un mese fa, alla nascita della nuova isola dei Navigli, più volte segnalato dai vigili di quartiere all’Amat, l’Agenzia per la Mobiità. Inutilmente, dicono.  Non meno dura la vita  per chi invece arriva da Porta Genova e si dirige verso la pescheria. Qui infatti si ritrova un primo cartello che invita a proseguire dritto e a destra, affiancato però da un altro che obbliga gli autocarri a svoltare a sinistra, peccato che a sinistra si trovi un divieto di accesso.  A quel punto, lo sventurato, può buttarsi a sinistra, visto che il cartello lo consente, ma è una trappola, perché finirebbe in un controsenso. Insomma, se dovete andare in XXIV Maggio, usate i mezzi. (Andrea Sparaciari)

Fatti&Storie