Meteo
 


Fatti&Storie

Riapre Area C 30 di auto

Lo stop estivo “allungato” dalla sentenza del Tar non ha stravolto quasi nulla nelle nuove abitudini dei milanesi. Che sia la crisi o una motivazione più “green” ieri nel primo giorno del ritorno del ticket da 5 euro per entrare in Area C, secondo il Comune non ci sono stati problemi: quasi 40 mila vetture in meno in centro, ovvero -30% rispetto alla stessa settimana del 2011. Con gli 89.972 accessi di ieri Area C riprende  dal dato medio degli ingressi dei primi sei mesi del provvedimento. «Siamo davvero soddisfatti - ha detto l’assessore alla Mobilità  Maran -   Area C nel primo lunedì con le scuole aperte ha confermato la sua capacità di raggiungere l’obiettivo per cui è nata, alleggerire le strade  dalla morsa del traffico». E «non facciamo marcia indietro - ha affermato il sindaco Pisapia - vogliamo  far sì che la stragrande maggioranza dei milanesi vedano in Area C una conquista per la città», con la promessa di valutare eventuali criticità nei prossimi sei mesi.
La Uil boccia Area C: serve solo a chi vive in centroCriticità ben visibili già oggi per  la Uil che in una lunga disamina boccia l’Area C perché «prima  avrebbe dovuto vedere la luce quel Piano Urbano della Mobilità (Pum, ndr)» spiega il segretario Galbusera, stravolto già dal Pgt ma che risulta “vigente”  fino al 2016, mai  sospeso.  Area C   «fa bene solo a chi vive in centro ma non ci lavora».

Pdl e Lega: è solo una tassa e distoglie i vigili dalla sicurezzaUna tassa e nient’altro che pure toglie  i vigili dai compiti di sicurezza secondo   Pdl  e Lega che annuncia un nuovo ricorso e accusa: almeno 150 vigili al giorno distolti dal presidio del territorio  per sorvegliare  i varchi.
(Metro)

Fatti&Storie