Meteo
 


Fatti&Storie

Ritorna Berlusconi e vuole togliere l Imu

«Le norme del fiscal compact impediscono la crescita». Lo ha detto Berlusconi, intervistato dai lettori de Il Giornale sulla nave Msc Divina, approdata a Bari. Si è detto “dubbioso”, l'ex premier, sul fondo salva Stati: «Ha regole che difficilmente lo faranno funzionare perché bisogna avere la maggioranza dell’80 per cento degli Stati: se hai la Germania, la Finlandia e la Polonia che non sono d’accordo non si fa nulla. Quindi è più che altro un qualcosa fatto intravedere sulle cui reali capacità e possibilità di funzionare esistono dei dubbi grandissimi. Io sono tra i più dubbiosi». E soprattutto attacca l’Imu: «La casa è il pilastro su cui ogni famiglia fonda il suo futuro. Toglieremo questa tassa», ha promesso, pur non sciogliendo ufficialmente la riserva sulla sua candidatura.
Poi attacca Matteo Renzi: «Porta avanti le nostre idee sotto l’insegna del Pd. Con lui la sinistra può diventare finalmente un partito socialdemocratico ». E su Grillo: «È uno straordinario attore comico ma sta ancora facendo quel mestiere. Non ci si improvvisa amministratori di un Paese o di una città». E ne ha anche per  Sarkozy: «presto la Francia finirà come noi, soprattutto con una guida di sinistra. Sarkozy è una persona in cui l’arroganza vince sull’intelligenza e i francesi l’hanno punito. Ce l’aveva con me - ricorda l’ex premier, dopo la vicenda che portò alla nomina di Mario Draghi alla Bce e il lungo lasso di tempo che passò prima delle dimissioni di Lorenzo Bini Smaghi per lasciare il posto a un francese nel Direttorio della Bce - Una volta gli porsi la mano e lui scartò». Sulla nomina di Mario Draghi alla guida della Bce poi aggiunge «avevo dei ministri contrari», mentre «i fatti dimostrano quanto utile sia avere lì un italiano».
(Metro)

Fatti&Storie